Assistenza alle imprese edili per al cessione del credito di imposta a Cassa Depositi e Prestiti e strumenti di finanziamento attivabili

E’ attiva una nuova opportunità per i soci di Rete Fidi Liguria,  connessa alle agevolazioni fiscali eco/super/ sisma bonus.

Lo Stato, con le leggi di Bilancio 2020 e 2021 e poi con  “DL Rilancio ” (n. 34/2020) ha  ampiamente modificato il quadro di riferimento del regime di detrazioni fiscali, attraverso l’introduzione di :

    • incrementi delle percentuali di detrazione per particolari interventi, fino al 90% per interventi di riqualificazione edilizia (c.d. bonus facciate)
    • una nuova percentuale di detrazione del 110% cd. «Superbonus» per interventi di risparmio energetico («ecobonus») e di riduzione del rischio sismico («sismabonus»), cosiddetti «Trainanti», estesa anche a tutti gli interventi di cui all’Art. 14 del DL 63/2013, c.d. «Trainati», a condizione che siano eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di cui sopra.
    • una nuova disciplina di godimento “alternativo” della detrazione d’imposta, concedendo la possibilità di:
        • Trasformare la detrazione in credito d’imposta, recuperabile in 5 (o 10) anni;
        • Convertire la detrazione in contributo sotto forma di sconto in fattura, anticipato dal fornitore e da quest’ultimo recuperato sotto forma di credito d’imposta.

I crediti d’imposta sono inoltre diventati cedibili a terzi, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

I beneficiari dello sgravio fiscale possono così esentarsi dal rischio di non poter usufruire appieno della detrazione e dalla necessità di anticipare all’impresa l’importo per l’esecuzione dei lavori.

Si riportano di seguito l’elenco degli interventi ad oggi previsti che possono usufruire (ognuno  per le rispettive aliquote) dello sconto/cessione: 

    1. Efficientamento energetico –con detrazioni del 50%, 65% o 110% in funzione degli interventi
    2. Installazione di impianti solari fotovoltaici -con detrazioni del 65% o 110% in funzione degli interventi.
    3. Installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici –con detrazioni del 50% o 110% in funzione degli interventi.
    4. Recupero del patrimonio edilizio su tutte le parti comuni degli edifici residenziali -con detrazione del 50%.
    5. Recupero del patrimonio edilizio sulle singole unità immobiliari residenziali --con detrazione del 50%
    6. Adozione di misure antisismiche -con detrazione del 50% 50%, 70%, 75%, 80%, 85% o 110% in funzione degli interventi.
    7. Recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna -con detrazione del 90%

Rete Fidi è infatti l’unico confidi ligure accreditato con Cassa Depositi e Prestiti per svolgere assistenza alle pmi socie nel processo di cessione dei crediti di imposta a CDP

Cassa Depositi e Prestiti può infatti acquistare dalle pmi edili  i crediti di imposta maturati dai committenti sugli interventi di ristrutturazione edilizia e di efficientamento energetico a condizioni particolarmente favorevoli, consentendo loro di recuperarli in tempi più rapidi rispetto ai termini previsti nella normativa in materia.

La presentazione della pratica a CDP richiede la presenza di un intermediario, tra quelli convenzionati CDP , per assistere la pmi  nel processo di richiesta e di un advisor, tra quelli convenzionato CDP, per l’analisi della documentazione tecnica e per il rilascio della reliance letter.

Rete Fidi, in quanto convenzionato, quindi  può supportare le imprese socie nelle fasi di acquisizione della richiesta di cessione del credito di imposta, analisi dei criteri di eleggibilità, censimento dell’operazione sulla piattaforma di CDP, caricamento della documentazione iniziale e della documentazione tecnica definitiva, stipula del contratto.

 Le imprese che accedono a questo servizio possono anche utilizzare l’insieme degli strumenti finanziari offerti da Rete Fidi che, per quanto riguarda le garanzie sui finanziamenti bancari, si qualificano per particolari accordi convenzionali con alcuni istituti

Rete Fidi Liguria, per supportare a tutto tondo le imprese socie anche sulla tematica di sostegno finanziario delle imprese edili nella fase costruttiva del credito di imposta, ha messo a punto due prodotti volti ad anticipare la liquidità necessaria per l’esecuzione dei lavori dalla fase di avvio al completamento:

    1. l’erogazione di finanziamenti diretti a breve/medio termine a seconda delle esigenze dell’impresa, anche attingendo alla provvista CDP;

      Quali vantaggi per le Imprese:

        1. Facilitazione dell’accesso al credito
        2. Forme tecniche e caratteristiche del finanziamento flessibili
        3. Unico interlocutore
        4. Trasparenza delle condizioni
        5. Tempi di istruttoria e delibera snelli
    2. Il rilascio di garanzie su linee di credito  per anticipo contratto (durata 12/18 mesi) erogate da banche convenzionate.

      Quali vantaggi per le Imprese:

        1. Facilitazione dell’accesso al credito
        2. Anticipazione fino a 18 mesi anche con erogazioni a stato avanzamento lavori
        3. Miglioramento delle condizioni economiche dell’operazione
        4. Possibile maggiore copertura delle spese totali del progetto (rispetto all’offerta standard della banca senza garanzia confidi)
        5. Accesso alle misure agevolate introdotte fino ad oggi sul fronte del credito (Quadro tem-poraneo degli aiuti, maggiori coperture anche in regime de minimis ecc.)
        6. Tempi di istruttoria e delibera snelli

Banche che aderiscono all'iniziativa

Quali vantaggi per le Imprese:

    1. Recupero del controvalore derivante dalla cessione dei crediti fiscali in tempi relativamente brevi (in funzione del tipo di intervento). 
    2. Conseguente maggiore liquidità finanziaria nelle casse aziendali da utilizzare per altri scopi. 
    3. Prezzi di cessione più convenienti rispetto al mercato.

Per richiedere il prodotto le Imprese devono rispettare i seguenti criteri:

    • Essere PMI
    • Rapporto tra eventuali Perdite nette e Patrimonio Netto minore del 50%
    • Rapporto in Centrale Rischi tra eventuali Sconfinamenti Cassa e Accordato Totale minore del 20% 
    • «esposizione non deteriorata» (scaduta, inadempienze probabili, sofferenza) presso l’intermediario proponente
    • Assenza in Centrale rischi di segnalazioni a sofferenza.

Se vuoi entrare in contatto con noi su questo prodotto contattaci

Simona Carpentieri

Area Commerciale

Referente per Superbonus 110%, Ecobonus e Sismabonus